senza Shadid

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

E’ morto questa notte in Siria, per una forte crisi dell’asma che lo affliggeva da tempo, il giornalista arabo-americano Anthony Shadid, forse il più grande reporter vivente fra quelli che si occupavano dei paesi arabi. Il fotografo Tyler Hicks, che lavorava con lui da tempo in vari scenari di guerra ed era stato suo compagno di prigionia in Libia la scorsa primavera (ve ne avevo raccontato qui) ne ha portato il corpo oltre il confine in Turchia, e dalla sua redazione, quella del New York Times, la notizia è circolata all’alba in tutto il mondo, destando reazioni unanimemente commosse. Tutti i colleghi gli riconoscono non solo di essere stato un reporter di gigantesca statura ma di aver sempre dimostrato straordinaria umiltà. Giovani giornalisti raccontano come fosse sempre pronto a fare complimenti ai più giovani e a condividere con loro prontamente la sua rubrica di contatti. Mona Elthahawi raccontava stamattina su Twitter di esserselo trovato davanti con un sorriso in piazza Tahrir quando è stata liberata dopo l’aggressione subita al Cairo. Shadid era di origine libanese (uscirà a marzo il suo libro di memorie sulla città dei suoi antenati), era cresciuto a Oklahoma City, per tutti gli anni Novanta era stato in Iraq, aveva vinto due Pulitzer e aveva soltanto 43 anni. Prima di tornare in Siria in questi giorni, era appena stato in Libia. Particolarmente in Siria, dove le chiavi di interpretazione per capire la complessità della guerra civile sono preziosissime, l’assenza di Shadid si farà sentire, non essendo il suo lavoro intercambiabile con quello di nessun altro. L’unico cenno di ottimismo lo danno i messaggi di questa mattina di centinaia di blogger e di giornalisti, che affermano di volerlo tenere come esempio di un giornalismo rigoroso e allo stesso tempo profondamente umano. Vi propongo qualcuno dei materiali attraverso cui potete conoscerlo. Qui il lungo reportage dalla Siria dell’estate scorsa, qui quello dal Bahrain dello scorso settembre, qui l’intervista che gli ha fatto MotherJones venti giorni fa, qui una rassegna di estratti dei suoi articoli preparata stamattina dal New York Times, da cui potete arrivare ai materiali che ha scritto dalla Libia (dove oggi si celebra l’inizio della rivolta di Benghazi un anno fa), qui l’intervista che gli fece NPR a dicembre (di cui vi faccio ascoltare un estratto audio).

? La canzone di oggi era “Bluer is my heart” di Holly Williams

Ecco la puntata di oggi:

[audio:alaska 17 feb 12.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.