reportage sull’hub di Milano – 4a parte

Siamo arrivati al finale del nostro reportage immersivo sull’hub di via Sammartini a Milano. Quando abbiamo cominciato, avevo questa idea: che se mi fossi messa abbastanza a lungo su questa frontiera metaforica, avrei attraversato tanti aspetti dell’esperienza di chi migra e di quella di chi accoglie, di cosa vuol dire cercare e trovare e dare rifugio, di cosa può fare la politica per guidare la solidarietà e inaugurare modelli sostenibili. Fra ruvidezze, imperfezioni e sofferenza, ho trovato tutto questo e di più, e in fondo a tutto ho trovato la mia città, e l’ho sentita più casa che mai. Voglio ringraziare tanto OpenMigration per lo spazio raro, le risorse e la fiducia che ci ha messo, e in particolare Antonella Napolitano che ha seguito tutto il progetto – e le decine di persone che ho incontrato, che mi hanno raccontato, che mi hanno aiutato con grande gentilezza, a cominciare da Silvia Panzarin. In quest’ultima parte tutti i protagonisti del reportage guardano al futuro, e per questo entriamo nella situazione dei bambini e dei minori non accompagnati, e chiediamo all’assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino cosa si vede dalla cabina di regia dell’accoglienza a Milano.

Una frontiera dentro la città: viaggio nell’hub di Milano /4

Leave a Reply

Your email address will not be published.