metterci la faccia

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

Edward Snowden ha 29 anni, guadagnava 200mila dollari l’anno lavorando per le agenzie di sicurezza americane, oggi è un fuggiasco, ed è lui la fonte del continuo flusso di rivelazioni del Guardian (qui la sintesi molto bella di Mathew Ingram) sulla raccolta indiscriminata di dati sul traffico telefonico ed elettronico di cittadini americani e stranieri organizzata dal governo Usa con un’interpretazione indiscriminata delle leggi anti-terrorismo. Come sapete, si è rivelato lui stesso con una video-intervista in un hotel di Hong Kong (che intanto ha lasciato) concessa ai destinatari delle sue rivelazioni, Glenn Greenwald (autore degli scoop per il Guardian) e Laura Poitras (a sua volta autrice del co-scoop del Washington Post, qui il suo profilo su Salon). Siccome molti scrivono delle dichiarazioni che ha rilasciato ma non era disponibile finora una traduzione integrale in italiano, l’abbiamo creata in crowsourcing per voi grazie al lavoro stupendo per Alaska e Radio Popolare fatto da Raffaella Brignardello e Alessandra Neve, che ringrazio infinitamente.

Ecco la puntata di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_11_06_2013.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

1 Comment metterci la faccia

  1. Pingback: Pensatech: Datagate. Una guerra senza norme internazionali | Marco Boscolo

Leave a Reply

Your email address will not be published.