l’utopia e la realtà

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(i graffiti che ho fotografato davanti al palazzo del PM in Magles el Shaab sabato scorso al Cairo, appena dopo l’uccisione del giovane Ahmed Soroor)

Nei giorni dell’incertezza sulla transizione politica, fra la piazza che si riempie, si svuota e torna a riempirsi, il pugno di ferro dell’esercito, i risultati dei candidati individuali alle elezioni rimandati giorno dopo giorno, l’inatteso risultato dei salafiti, l’allungamento dei tempi del PM incaricato Ganzouri per la formazione del nuovo gabinetto di governo dopo le dimissioni di Sharaf nei giorni della sanguinosa battaglia di Mohammed Mahmoud, due letture importanti arrivano dal basso: quella di The Cairean Feed che riflette su facebook su “Tahrir fra utopia e distopia”, e quella dell’eroe involontario della rivoluzione di gennaio, Wael Ghonim, che spiega negli editoriali postati dal New York Times perché è ottimista nonostante tutto.

? La canzone di oggi era “Constant now” dei dEUS

Ecco la puntata di oggi:

[audio:alaska 2 dic 11p.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Il contributo dei lettori è essenziale al mio lavoro, puoi donare qui!

Leave a Reply

Your email address will not be published.