let’s get physical

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

partecipanti-1o-giorno-ab11

(i blogger del primo panel di #Ab11 ieri a Tunisi, fra loro @manal, @ahmed, @weddady)/EPA)

Il cyberattivismo si fa fisico, non solo nelle piazze delle rivoluzioni che rovesciano radicalmente i regimi (o tentano di farlo con un alto prezzo di sangue) o per riflesso nelle piazzette delle democrazie europee e americana della crisi economica globale, ma anche nei luoghi d’incontro fisico e di discussione che i blogger, i tweep e i citizen journalist si danno per incontrarsi e fare il punto della radicale esperienza politica portata sulla rete e fuori dalla rete, soprattutto nel momento in cui alcuni paesi arabi stanno affrontando la complessità della transizione verso nuove costituzioni e parlamenti. Inevitabilmente, si discute anche della necessità di regolamentazione della rete e dei suoi diritti e responsabilità, particolarmente in paesi in cui viene ricostruito uno spazio da sempre in mano alle agenzie governative. Si discute di etica e obbiettività su Twitter, del ruolo dei blogger che si impegneranno in prima persona nella vita politica istituzionale, si discute del ruolo ricoperto in questi mesi dai Wikileaks, In questa stagione Alaska cercherà di portarvi il più possibile a questi incontri (possibilità concreta di costruzione politica fuori dai 140 caratteri), magari anche con la speranza che l’incontro fisico e l’elaborazione collettiva attecchiscano di nuovo anche dalle nostre parti. Se non altro, per essere al passo con gli strumenti di espressione e di organizzazione di questa annata straordinaria, per incontrare da vicino i protagonisti di questa stagione (molti dei quali fino a 10 mesi fa non potevano né viaggiare né farsi vedere in volto), e per conoscere le riflessioni politiche e di comunicazione che scaturiscono da questi incontri.

Prima di dedicarci ad #AB11, voglio unirmi alla diffusione di un “Post a Rete Unificata”, proposta di rilancio di un post di Bruno Saetta (dentro ci trovate anche i link a un altro post informativo e al post di Mantellini sull'”indignazione automatica” dei blogger a cui in qualche modo risponde) fatta da Claudia Vago (in rete @tigella), Dino Amenduni, Salvatore Mammone e altri, per informare sulla “legge-bavaglio” in tema di obblighi di parificazione con la stampa per i blogger, avviandosi forse verso una elaborazione di proposta di legge alternativa che seguiremo nelle prossime settimane, la cui esigenza si era già sentita durante le discussioni della #notterete. Per ora vi rilancio la parte iniziale dell’articolo rimandandovi ai link per approfondirlo, e invitandovi a rilanciarlo a vostra volta sui vostri blog.

Mentre vi parlo si sta svolgendo a Tunisi (in viale Mohamed Bouazizi) la seconda giornata di lavori del meeting degli Arab Bloggers 2011. Le edizioni precedenti a Beirut del 2008 e 2009 appartengono all’era della semi-clandestinità. Già molti spunti nella prima giornata, twittata e raccontata in tempo reale sulla rete da dentro la sala nonostante la natura trilingue dell’incontro (arabo, francese, inglese) e l’inizio fra le polemiche perché la Tunisia in transizione non ha permesso di partecipare ai blogger palestinesi invitati; circa duecento bl0gger fra i più importanti e attivi dei paesi arabi, di cui 7 tunisini che sono anche candidati alle prossime elezioni, riuniti in sessione pubblica solo nella prima giornata, continuano da oggi i lavori in sedute a porte chiuse. Oggi vi propongo qualche resoconto. Oltre alle sequenze di resoconti in tempo reale via Twitter che potete seguire nella nostra TL, Paola Caridi su InvisibleArabs ci presenta il congresso, AlJazeera propone un piccolo riassunto dei lavori di ieri, e Jillian C. York – direttrice per la Libertà Internazionale d’Espressione alla Electronic Frontier Foundation – ne sta facendo un liveblog, qui il resoconto delle prime sessioni, e qui quello del panel tunisino sulla futura costituzione.

? La canzone di oggi era “There is a light that never goes out” (The Smiths) di Sarah Lov

Ecco la puntata di oggi:

[audio:alaska 4 ott 11p.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Il contributo dei lettori è essenziale al mio lavoro, puoi donare qui!

Leave a Reply

Your email address will not be published.