la trappola

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(foto scattata da Mosa’ab el Shamy al sit-in davanti al Ministero della Difesa violentemente sgomberato la settimana scorsa, fa parte del suo – spericolato – diario fotografico pubblicato qui da Alakbar)

Oggi torniamo al “sit-in trappola” di Abbaseya, al Cairo, di cui vi raccontavo l’evoluzione violenta qui la settimana scorsa (nel frattempo sono state arrestate 170 persone che subiranno processo militare e l’esercito ha instaurato il coprifuoco dalla sera al mattino in tutto quel quartiere). Quelli che voglio proporvi sono tre punti di vista piuttosto importanti –  presenti al sit-in, per nostra fortuna, c’erano infatti  alcuni testimoni di eccezione: uno è il grande reporter del Guardian Peter Beaumont (il primo reporter internazionale a seguire la primavera araba sul campo fin dai primi avvenimenti in Tunisia) che mette il suo racconto nel contesto di come l’esercito sta attendendo la transizione dei poteri. Altri due testimoni importanti, El Foulio e Sharif Kouddous, corrispondente per Democracy Now fin dall’inizio della rivoluzione – El Foulio racconta qui la sua esperienza al sit-in e la sua fuga rocambolesca insieme a Sharif. E infine, dagli Stati Uniti per ragioni di lavoro, tuona severamente sul comportamento dei suoi compagni di rivoluzione al sit-in Mahmoud Salem, che conoscete come Sandmonkey.

La canzone di oggi era “One” nella versione di Damien Rice

Ecco la puntata di oggi:

[audio:alaska_08_05_2012.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Il contributo dei lettori è essenziale al mio lavoro, puoi donare qui!

Leave a Reply

Your email address will not be published.