la strada o il parlamento?

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(Alaa Abdel Fattah intervistato da Laura Cappon a Talaat Harb venerdì scorso – FOTO Cliff Cheney @ cliffcheney.com)

A metà aprile cominciano i turni di voto per le parlamentari egiziane – che riporteranno un parlamento eletto ad affiancare la presidenza eletta di Morsi – ma i partiti più importanti dell’opposizione stanno annunciando che boicotteranno le elezioni. Intanto Port Said, dopo le stragi seguite al verdetto sul massacro dello stadio avvenuto un anno fa, è in autogestione da due settimane. A Mansoura nelle manifestazioni è stato ucciso giovedì un uomo di 35 anni. Per protesta venerdì è stata indetta una manifestazione a Talaat Harb al Cairo. La nostra Laura Cappon ci è andata e ha incontrato per noi una delle menti più lucide della rivoluzione, Alaa Abdel Fattah, al quale ha chiesto cosa pensa dell’ipotesi di rinunciare a misurarsi alle urne, se si resterà nella piazza per sempre, e come vede il complesso rapporto dell’esercito col governo dei Fratelli Musulmani.

La canzone di oggi era “Mraya” di Abdel Ali Slimani

Ecco la puntata di oggi:

[audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_04_03_2013.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

1 Comment la strada o il parlamento?

  1. Pingback: l’eroe involontario | Alaska

Leave a Reply

Your email address will not be published.