il proiettile di Gabby

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

Esattamente due anni fa, la puntata di Alaska era dedicata all’attentato contro la deputata progressista dell’Arizona Gabrielle Giffords, 42 anni, colpita alla testa da uno dei proiettili del 22enne Jared Loughner che aveva attaccato un comizio a Tucson l’8 gennaio 2011, uccidendo 6 persone fra cui il giudice John Roll, e ferendone diverse altre. Gabrielle Giffords si sta lentamente riprendendo e dopo le dimissioni dal Congresso l’anno scorso, ha ricominciato a fare attività politica. Nel secondo anniversario di Tucson ha deciso di mobilitarsi con un’iniziativa di risposta all’ennesima strage, quella della scuola elementare di Newtown dello scorso dicembre. Quella della Giffords, così come quella del sindaco di New York Bloomberg, è una delle varianti delle prese di posizione di queste settimane su come aggirare il tabù della discussione sulle armi da fuoco – si va dalla richiesta di mettere al bando solo le armi da guerra a quella di restringere l’accesso nei negozi attraverso controlli reali sulla storia della persona che acquista l’arma – in pochissimi riescono a mettere in discussione la mentalità di frontiera, il “diritto di ogni americano a difendersi” e ad armarsi per farlo. L’iniziativa di Gabby Giffords, creata insieme al marito Mark Kelly (astronauta dello Shuttle), si chiama “Americans for Responsible Solutions”; intende creare un gruppo di pressione sui rappresentanti al Congresso per contrastare il dominio culturale della lobby delle armi, e ha un manifesto che trovate qui.

La canzone di oggi era “La Frontera” di Lhasa De Sela

Ecco la puntata di oggi:

[audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_10_01_2013.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.