il ponte

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(la veduta sul ponte Qasr el Nil nell’anniversario del #Jan25 due giorni fa, con la folla rimasta fuori dalla piazza troppo piena – foto di Ahmed Abou Hussein, via @RamyYaacoub)

Oggi è venerdì, Khaled Said se fosse vivo compirebbe 30 anni, e in pieno anniversario della rivoluzione Tahrir tornerà a riempirsi. Un anno fa la protesta entrava nel suo peggiore momento, oscurata e isolata dagli occhi del mondo a causa del blocco delle comunicazioni ordinato da Mubarak; le compagnie telefoniche, che si appoggiavano tutte a Vodafone (per il 40% di proprietà del presidente), interruppero tutti i servizi.

EGYPT-INTERNET-BLACKOUT-e1324224484107

(il grafico della Arbor Networks che mostra il crollo delle comunicazioni internet e telefoniche nella notte fra il 27 e il 28 gennaio 2011 in Egitto)

Gli attivisti restarono così senza alcuna possibilità di twittare o postare video su YouTube, salvo per quelli che riuscirono a piratare l’unica linea ancora disponibile, quella dedicata della Borsa del Cairo che funzionò per due giorni prima di essere a sua volta bloccata. Nella piazza isolata dal mondo si compì così il 28 gennaio la prima strage di civili. Il blocco di Internet, paradossalmente, fu anche l’episodio che destò l’indignazione del mondo intero, e all’estero vennero subito attivati alcuni sistemi per consentire agli egiziani di telefonare, mandare sms, twittare e inviare dati. Uno di questi ponti venne allestito immediatamente dallo svedese Christopher Kullenberg del collettivo Telecomix, che oggi, a un anno esatto dal blocco, racconta tutto quello che si ricorda di quella notte alla nostra Aurora D’Aprile, e spiega il lavoro di Telecomix per aiutare i cyberattivisti in diversi paesi sotto forte censura, compresa la Siria.

La settimana prossima un approfondimento sulla notizia data da Twitter ieri sera sulla propria autocensura in alcuni paesi per rispettare la legislazione vigente, un annuncio che sta destando enormi preoccupazioni per la libertà di espressione.

? La canzone di oggi era “Which side are you on?” di Ani di Franco

Ecco la puntata di oggi:

[audio:alaska 27 gen 12p.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Il contributo dei lettori è essenziale al mio lavoro, puoi donare qui!

2 Comments il ponte

  1. Pingback: soli | Alaska

  2. Pingback: Soli a #Homs « EXPOST

Leave a Reply

Your email address will not be published.