cervello collettivo

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

Ben ritrovati, oggi una rapida occhiata riassuntiva ai lavori del festival de Giornalismo di Perugia che si sono conclusi ieri, in attesa di vedere qualcuno degli interventi clou più da vicino. Di nuovo appuntamento internazionale di frontiera su informazione, nuovi sistemi organizzativi, rapporto con i social e con “quello” – come dice Emily Bell – “che un tempo era noto come il pubblico”, sopravvivenza e finanziamento, metodi di misurazione del feedback, specializzazione, programmazione, ci ha lasciato pieni di idee e di strumenti, e di materiali da studiare. Attraversato dalla forte consapevolezza del delicato momento politico italiano, il festival di Perugia si è fatto ancora una volta laboratorio sull’informazione che contribuisce a formare le scelte civiche dei cittadini.

La canzone di oggi era “Beginning of a great adventure” di Lou Reed

Ecco la puntata di oggi:

[audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_29_04_2013.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

1 Comment cervello collettivo

  1. Mic

    Ricordando in onda la partecipazione di Yoani $anchez (e passando sotto silenzio la decisa contestazione di cui è stata oggetto) hai involontariamente messo in luce il limite centrale di questo tipo di discussioni: il fatto che si concentrino ossessivamente su formati, strumenti e contenitori del giornalismo, dando per scontato che i CONTENUTI continuino a essere univoci, uniformi e appiattiti sulla linea ufficiale del potere occidentale.
    Chi vuole descrivere la realtà dovrebbe prestare più interesse al contenuto che al contenitore: una bugia rimane una bugia a prescindere che compaia sulla prima pagina cartacea del Corriere, sul blog della $anchez, su twitter o scritta a bomboletta su un muro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.