Una bella nuotata

“Con chiunque altro, ho la sensazione di dover rientrare in uno spazio che mi schiaccia – di cozzare con la testa o con la punta del gomito o di dover stare seduta con le ginocchia contro il mento. Tu sei, da lungo tempo, l’unica persona che mi dà ciò che solevo chiamare ‘una bella nuotata’ – e la cosa alla quale in fondo, se ripenso con onestà al mio passato, ho davvero scoperto di tenere più che a ogni altra”.

Edith Wharton a Bernard Berenson (28 anni di corrispondenza)

love in a year of destruction

reportage sull’hub di Milano – 2a parte

Ecco la seconda parte del mio reportage sull’hub per i transitanti a Milano, che sto scrivendo per Open Migration. Qui entriamo nella vita quotidiana dell’hub, e ad ascoltare i racconti di profughi e operatori, stavolta soprattutto le storie delle donne eritree e del dramma che affrontano per arrivare in Europa, e la storia, per me… Continue reading