caccia all’uomo

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

Stamattina, molto prima che ci arrivasse la cronaca delle tv americane (pur fisse a Boston da giorni), ci siamo svegliati con un flusso ininterrotto di tweet su una sparatoria all’università MIT di Boston e nella zona di Waterfront, dove tuttora sono impiegati cento veicoli della polizia in quella che si è rivelata, dopo una rapina a un 7/11, l’uccisione di un poliziotto e il ferimento di altri agenti, una vera e propria caccia all’uomo per catturare due giovani sospettati per le bombe della maratona di Boston. Uno dei due è morto, l’altro in fuga, e la polizia di Boston ha twittato un impressionante “wanted” che vedete qui sopra, che dovrebbe porci per l’ennesima volta qualche domanda sull’utilizzo dei social media. Abitanti del quartiere (con tanto di foto dei proiettili che hanno colpito le loro pareti di casa), forze dell’ordine, reporter sul posto, studenti, MIT, hanno raccontato minuto per minuto le sparatorie, un’esplosione e il caotico inseguimento. Intanto l’MIT è stato ufficialmente messo in sicurezza, le lezioni sono sospese, e dalle 2 del pomeriggio verrà sospeso il trasporto pubblico della città. Nel caos del flusso di tweet, alcune testate sono riuscite a filtrare e riordinare man mano cronaca e conferme ufficiali su vari liveblog, fra qui quello eccellente di ReutersLive.

La canzone di oggi era “Train in vain” dei Clash

Ecco la puntata di oggi:

[audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_19_04_2013.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.