Alaska XL #5 | l’ultima grande balena americana

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(uno degli striscioni della manifestazione di sabato scorso a Washington contro lo spionaggio indiscriminato dell’NSA)

Le musiche di oggi sono tutte di Lou Reed.

1

Nella settimana appena trascorsa tante novità. Le donne saudite, per quanto ostacolate in tutti i modi, sono tornate al volante il 26 ottobre per una prima ripresa della loro campagna Women2drive. Qui potete vedere il video che l’artista satirico saudita Hisham Fageeh ha dedicato loro, una deliziosa parodia di No Woman No Cry di Bob Marley. Le rivelazioni dai files di Snowden stanno movimentando la scena diplomatica internazionale (il seguito sulla Germania, quelle nuove su Francia e Spagna, la coda italiana), e sabato a Washington, mentre circolava questo video, e mentre il sito ufficiale della NSA era “tango down”, si è svolta una piccola manifestazione di protesta alla quale è stato letto un messaggio di Edward Snowden che trovate qui. Qui un parere negativo di Slate sulla manifestazione. A due giorni di distanza uno dall’altro, Foreign Policy e il New York Times hanno pubblicato ciascuno un’opinione che risponde a coloro che sostengono che “sapevamo tutti benissimo di essere spiati”, e che “tutti spiano”. Oggi ve le traduco.

“Last great American whale” di Lou Reed

Ecco la prima parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_28_10_2013_1.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

2

In Egitto è tornato in onda per la prima volta dopo il colpo di stato del 3 luglio il grande comico satirico Bassem Youssef (il “Jon Stewart egiziano”) che conta mediamente più di sedici milioni di spettatori e raccoglie per CBC diciotto minuti filati di pubblicità soltanto in apertura del programma. Non solo è stata la prima volta che gli egiziani hanno ritrovato qualcosa per cui riuscire a ridere, ma tutti erano in attesa di vedere come se la sarebbe cavata Youssef con la satira nei confronti dell’esercito e dell’intoccabile generale Sisi. Youssef, che aveva abituato alla sua presa in giro corrosiva del governo dei Fratelli Musulmani, aveva rilasciato qualche dichiarazione di dubbio gusto nei giorni del massacro di Rabaa e si era preso alcuni mesi di pausa. Lo show dell’altra sera era costruito in crescendo, con una zampata finale: dopo una lunga presa in giro della mania popolare per il generale Sisi, Bassem Youssef è arrivato al generale stesso, e ha concluso con alcuni minuti serissimi in cui ha affermato che “non possiamo sostituire il fascismo religioso con il fascismo nazionalista, con la scusa della lotta al ‘terrorismo'”. La “spinta” dello show sembrava calibrata per riuscire a restare in onda almeno per un’altra puntata, testando le acque della censura. Per alcuni, l’irruenza e la precisione del suo messaggio hanno di fatto riaperto e legittimato con l’illuminazione dei paradossi attuali della società egiziana la strada per il dibattito politico e per il messaggio della “terza piazza” (né con i Fratelli Musulmani né con l’esercito) dopo tanti mesi di rigida polarizzazione del discorso. Meno di ventiquattro ore dopo il suo show, erano già partite due denunce nei suoi confronti, che poi sono diventate quattro – tutte private, ma che costringono il procuratore generale a prenderle in esame. Inoltre, a prendere le distanze da Youssef è stato anche il canale tv che trasmette il suo programma. Vi racconto tutto grazie a Mada Masr (Egitto), Zeinobia (Egitto, con il link alla puntata su YouTube), Buzzfeed (Usa) e il Telegraph (Inghilterra).

“Walk on the wild side” di Lou Reed

Ecco la seconda parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_28_10_2013_2.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

3

Questa terza porte la voglio dedicare a due scrittori: la canadese Alice Munro, che due settimane fa, a 82 anni, ha vinto il premio Nobel per la Letteratura nel giubilo della rete, e l’americano Dave Eggers, che ha pubblicato il suo nuovo romanzo, The Circle, ambientato in una sorta di metafora di Silicon Valley e del mondo del web. Moltissimi gli omaggi ad Alice Munro dai colleghi e dalle sezioni culturali dei media. Qui la stessa Munro, svegliata con la notizia dalla Cbc, e sorpresissima dal fatto di essere solo la tredicesima donna su 110 Nobel per la letteratura finora assegnati. Qui il Los Angeles Times sulla “riapertura” da parte del New Yorker di uno dei racconti di Munro pubblicati dalla rivista nel corso degli anni,  e ora ripubblicato anche sul cartaceo per l’occasione: The bear came over the mountain. Qui lo stesso New Yorker con una raccolta di commenti a caldo dopo il Nobel da Margaret Atwood (amica e connazionale di Munro), Julian Barnes, Sheila Heti, Jhumpa Lahiri, Joyce Carol Oates e altri. Qui il Globe & Mail su come “la canadese tranquilla” ha conquistato il mondo. Qui Susanna Basso, traduttrice italiana di Alice Munro, sulla rivista Tradurre.

Intanto tiepida, invece, la reazione all’ultimo romanzo di Dave Eggers, The Circle, un tantino reazionario secondo chi vive parecchio nella rete – forse a dimostrazione, più che altro, che Eggers è ancora fortissimo nella non-fiction (oltre che nei suoi bellissimi progetti filantropici) ma debole nella fiction. Qui l’opinione di Maria Bustillos per Medium (che intanto sabato scorso ha annunciato di essere uscito dalla sua versione beta, pronto a pubblicare materiali di tutti), e qui quella di Serena Danna sul suo blog per il Corriere.

“Perfect day” di Lou Reed

Ecco la terza parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_28_10_2013_3.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

4

Infine, mentre sembra che perfino le testate digitali siano molto intimorite dall’annuncio della nascita della nuova impresa di Pierre Omidyar di eBay nel campo dell’informazione, dopo il primo annuncio (che riguardava più che altro la partenza di Glenn Greenwald dal Guardian) Omidyar ha raccontato qualche dettaglio in più. Qui l’Economist (benevolo) su come a Omidyar piace spendere i suoi soldi per beneficenza (ha creato un modello alternativo a quello dei magnati americani dell’ultimo secolo), qui Jim Romenesko che riprende l’intervista a Omidyar di NPR, di cui trovate audio e trascrizione qui.

“Satellite of love” di Lou Reed

Ecco la quarta parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_28_10_2013_4.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.