Alaska XL #1 | battaglie

(this article was originally posted on Alaska at Radio Popolare)

(la fotografia scattata da Andy Carvin alla schermata di Fox News il 7 settembre, mentre infuriava la discussione sull’intervento in Siria dopo l’utilizzo di armi chimiche da parte del regime di Assad – la mappa, sulla quale si basavano le discussioni geopolitiche del giorno, è ovviamente tutta sbagliata)

Ben ritrovati, nel nuovo palinsesto di Radio Popolare Alaska riprende con un nuovo formato di quasi due ore, “extralarge” e settimanale ogni lunedì dalle 12.40 alle 14.30, in replica in formato “medium” il lunedì sera alle 21.30. Per rendervi più comoda la fruizione degli argomenti della puntata, i podcast saranno quattro, uno per ogni sezione del programma. Avremo più tempo per esplorare i contributi della rete scelti di volta in volta, e la playlist delle musiche sarà sempre segnalata nel post settimanale.

1

Da quando ci siamo lasciati a fine giugno, i contributi importanti dalla rete e sulla rete sono stati moltissimi – alcuni riusciremo a esplorarli in questa prima puntata, altri ci accompagneranno ancora nelle prossime settimane insieme a notizie più fresche. Il soldato Bradley Manning, reo confesso di aver fornito materiali riservati di prim’ordine a Wikileaks, è stato condannato a decine di anni di prigione e ha annunciato che cambierà sesso, in Egitto alle proteste del 30 giugno è seguito un colpo di stato popolare con la collaborazione dell’esercito, più di mille morti nello sgombero dei sit-in dei Fratelli Musulmani, l’arresto dei loro leader, il congelamento dei loro beni e la messa fuorilegge del movimento, la legge marziale, decine di arresti di giornalisti e attivisti, la chiusura di Al Jazeera Egitto, l’attentato al Ministro degli Interni, una paranoia sulla “guerra al terrorismo” avallata dai media di stato e privati, un rafforzamento degli episodi violenti nel Sinai, e in sottofondo i lenti preparativi della Costituente che dovrà emendare la Costituzione prima di indire nuove elezioni. In Siria, a cavallo dei giorni del rientrato allarme sull’intervento americano, è stato liberato il giornalista italiano Domenico Quirico, che ha subito pubblicato un e-book che racconta la sua dura esperienza. Gli attivisti di Greenpeace della nave Arctic Sunrise, che si battono contro il passaggio del nuovo gasdotto nell’Artico, sono stati arrestati e processati dai russi. Sono partite le trasmissioni di Al Jazeera America, l’Huffington Post e altre testate, nell’impossibilità di riuscire a moderarli, hanno deciso di chiudere l’accesso ai commenti, Storify è stato acquistato il 10 settembre, Twitter ha annunciato di essere in attesa di essere quotato in borsa, il progetto futuribile di Reuters Next ha annunciato la chiusura, BlackBerry è stata venduta, e naturalmente Jeff Bezos di Amazon ha comprato il Washington Post. In Grecia il rapper Killah P è stato ucciso da militanti di Alba Dorata e i leader del partito sono stati arrestati, in Turchia dopo il ramadan sono riprese le manifestazioni di protesta. Apple non ha fatto in tempo ad annunciare il nuovo riconoscimento dell’utente iPhone su iOS7 con l’impronta digitale che qualcuno l’aveva già hackerato, l’eroina della battaglia contro gli anti-abortisti Wendy Davis> ha annunciato che si candiderà a governatore del Texas, Twitter ha chiuso a ripetizione gli account degli Shabab che raccontavano da dentro il loro assedio al centro commerciale Westgate di Nairobi, le donne saudite hanno ripreso la loro campagna per il diritto a guidare l’automobile da sole, in Bahrain è stata approvata una legge che restringe ulteriormente in diritto di manifestazione, Lo scrittore Jonathan Franzen ha sollevato un polverone con un pezzo parecchio conservatore che è diventato virale, e infine, in Yemen è morto nel sonno, giovanissimo, uno degli attivisti più luminosi di tutta la primavera araba, Ibrahim Mothana. E naturalmente, continua la storia più enorme sulla raccolta dei dati da email e telefonate, la sorveglianza internazionale delle agenzie di sicurezza americane, e la guerra ai reporter che la stanno raccontando….

“Throw your arms around me” di Eddie Vedder e Neil Finn

Ecco la prima parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_30_09_2013_1.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

2

Molte novità sulla vicenda Snowden/NSA, a cominciare dal lungo fermo e interrogatorio all’aeroporto di Heathrow di David Miranda, compagno del giornalista Glenn Greenwald, alla distruzione dei computer da parte del governo alla sede del Guardian, alla concessione dell’asilo in Russia allo stesso Snowden, e ai frammenti del puzzle sulle politiche di sorveglianza dell’NSA – che arrivano a puntate dallo stesso Snowden, dalla nuova collaborazione del New York Times con il Guardian, e dalle udienze al Senato americano, dove le domande dei senatori informati sono più rivelatrici delle risposte che ricevono. Nelle prossime puntate vi proporrò alcune riflessioni circolate in rete sulla questione del criptaggio, intanto qui trovate la bellissima cronologia preparata dalla Electronic Frontier Foundation, che si era già fatta portatrice di molte interrogazioni al Congresso prima che arrivassero le rivelazioni di Snowden. Molti di voi durante l’estate hanno letto la traduzione che Alessandra Neve ci ha fatto del profilo di Laura Poitras, giornalista sorvegliata e sorvegliante, cruciale nella vicenda Snowden/Greenwald, e oggi ve la propongo in audio.

“Working Woman Blues” di Valerie June

Ecco la seconda parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_30_09_2013_2.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

3

La rivoluzione in Egitto non è mai stata in crisi come adesso. Qualche giorno fa i rivoluzionari della cosiddetta Terza Piazza, che non si riconosce nei Fratelli Musulmani ma nemmeno nella loro repressione da parte dell’esercito, hanno dato vita a un nuovo movimento politico, Path for The Revolution, che si ripromette di creare un percorso alternativo rispetto alle forze islamiste e all’ubriacatura nazionalista nasseriana di queste settimane guidata dall’esercito. Moltissime le riflessioni sui blog e sui quotidiani in rete in queste settimane, al di là delle semplificazioni della stampa mainstream che ha già abbandonato di nuovo l’Egitto dopo la calma apparente seguita agli ultimi scontri alla moschea di Ramses. Ho scelto quelle – mozzafiato – di Paola Caridi, quella della scrittrice Ahdaf Soueif, e quella di suo figlio, il giovane regista Omar Robert Hamilton.

“Street Boy” di Rodriguez

Ecco la terza parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_30_09_2013_3.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

4

Chiudiamo la puntata di oggi con un’occhiata al progetto della radio pubblica NPR chiamato “Today in 1963”, che per tutto il 2013 segnerà gli eventi storici di cinquant’anni fa – il discorso di Martin Luther King a Washington (I have a dream), l’uccisione di JFK a Dallas a novembre – raccontandoli su Twitter come se stessero avvenendo in tempo reale. Un’operazione che richiede una straordinaria sceneggiatura per riprodurre fedelmente come in un livetweeting dichiarazioni, fotografie, momenti d’archivio, voci, episodi, orari esatti. Creato da CodeSwitch, il blog di NPR che si occupa di questioni etniche e razziali, lo racconta qui The Root

“The curse” di Agnes Obel (dal nuovo album “Aventine”, che esce oggi)

Ecco la quarta parte di oggi: [audio:http://pod.radiopopolare.it/alaska_30_09_2013_4.mp3]

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.